SENZA META

Manutenzione bici

VERIFICA E MANUTENZIONE

La periodica manutenzione della bicicletta è un’operazione necessaria per tenere il mezzo efficiente e sicuro. La manutenzione di base può essere effettuata da chiunque, senza la necessità di strumenti od utensili particolari, mentre alcune altre operazioni sono da lasciare preferibilmente al meccanico se non si è dotati del necessario bagaglio tecnico e di attrezzi appositi.

  1. Quando non viene utilizzata, tenere la bicicletta al coperto. L’umidità può ossidarne alcune parti ed una lunga esposizione al sole può danneggiare la vernice e gli adesivi.
  2. Tenere la bicicletta pulita: sporco e polvere possono causare malfunzionamenti dei freni e del cambio.
  3. Pulizia ed oliatura della catena: va effettuata con una certa frequenza, soprattutto l’oliatura. Si può usare comune olio per motore, ma è preferibile ricorrere ad olii di alta qualità e finezza o ad appositi lubrificanti. Se la catena è particolarmente sporca è consigliabile sgrassarla con del gasolio, petrolio bianco o uno sgrassatore specifico. Non è necessario rimuovere la catena (inoltre servirebbe un apposito strumento). Un’alternativa all’olio può essere quella di usare il grasso lubrificante, lo stesso usato per l’asse delle ruote: in questo modo la manutenzione si può fare addirittura una volta all’anno, in quanto il grasso aderisce meglio. Questo sistema è conveniente per le biciclette da passeggio, in particolare quelle in cui la catena non si vede perché è all’interno del paracatena.
  4. Pulizia del telaio: si ripulisce il telaio dalla polvere con uno straccio umido, è sconsigliabile usare un getto di acqua che può penetrare nelle parte meccaniche e nei cuscinetti (ruote, movimento centrale…) danneggiandoli. In caso sia necessario un lavaggio con acqua corrente, al termine di esso riasciugare accuratamente le varie parti (meglio se con aria compressa) e riapplicare il lubrificante alle parti mobili. Durante la pulizia e l’asciugatura verificate che i bulloni siano ben stretti. Se necessario usate un po’ di sapone neutro ma non solventi: possono danneggiare la vernice o gli adesivi.
  5. Lubrificazione apparati del cambio: periodicamente si olia o si spruzza lubrificante sulle parte dei cambi anteriore e posteriore che sono soggette a movimento (rapporti, corone, ruota libera, fili d’acciaio dove fanno attrito). Per ungere la ruota libera conviene adagiare la bici a terra sul fianco sinistro.
  6. Sostituzione dei pattini dei freni: da effettuare periodicamente, prestando attenzione all’allineamento dei pattini stessi sul cerchio (la distanza di essi dal cerchio dovrebbe essere di un millimetro da entrambi i lati). In caso di sostituzione (e dopo ogni oliatura della bici), verificare ed abituarsi alla nuova potenza frenante. Se la bici è tenuta spesso all’aperto, col tempo la superficie del pattino si indurisce, riducendo di molto la potenza frenante, specie se il pattino non è ben allineato e se la bici viene usata poco. E’ opportuno perciò grattare la superficie con della carta vetrata in modo da asportare lo strato indurito.
  7. Sostituzione cavi e guaine dei freni e dei cambi: da effettuare una volta ogni anno o ogni due anni, permettono di avere una frenata ed una cambiata sempre efficiente e di evitare le rotture del filo nel punto di attacco della testa, ossia nella parte più debole del filo. Ora, però, esistono cavi teflonati che hanno una vita media molto più lunga di quelli tradizionali.
  8. Ingrassaggio mozzi delle ruote: da effettuare occasionalmente ma con regolarità (almeno ogni sei mesi, più spesso se in ambienti polverosi o fangosi), in maniera che le ruote scorrano con fluidità, salvaguardandole da danni altrimenti irreversibili.
  9. Ingrassaggio movimento centrale: analogo a quello delle ruote, a meno che non sia del tipo moderno a cartuccia.
  10. Ingrassaggio movimento dello sterzo: come sopra.
  11. Ingrassaggio pedali (nei modelli che hanno cuscinetti a sfera anche in tale posizione).
  12. I cuscinetti a sfera (nelle quattro/cinque parti da ingrassaggio di cui sopra) devono ruotare liberamente, senza gioco laterale, rumori o cigolii. Se si verifica uno di questi inconvenienti, portare la bici ad un tecnico specializzato (eventualmente il vostro rivenditore).
  13. Verificare l’allineamento delle ruote: la distanza fra il cerchio e le parti fisse (telaio o forcella) deve essere uguale da entrambi i lati. In caso di necessità chiedere l’aiuto di un tecnico.
  14. Verificare che tutti i raggi siano in tensione. Raggi lenti posso danneggiare il cerchio.
  15. Verificare che la pressione delle gomme sia adeguata. Se avete un manometro confrontatene la misura con i valori stampati di lato sui copertoni. Le gomme sgonfie, oltre a rendere più faticosa la pedalata, aumentano la probabilità di forature.

 

Questo articolo è rilasciato sotto i termini della Gnu Free Documentation License. Esso utilizza materiale tratto dalla voce di wikipedia: “manutenzione bicicletta”.